Missoni Lounge & Events

La mostra MISSONI, L’ARTE, IL COLORE è un’esposizione volta a testimoniare l’internazionalità e la creatività della Maison Missoni, il successo del Made in Italy nella produzione tessile e nella moda e l’importanza del territorio nell’originare linguaggi creativi e dialoghi con alcuni maestri dell’arte moderna e contemporanea italiani ed europei. La creatività e l’imprenditorialità di una grande Maison italiana, la straordinaria cultura e la genialità dei due fondatori entrano in dialogo con l’arte europea del Novecento. Ruota attorno a questi temi l’evento che il MA*GA di Gallarate (VA) dedica, dal 19 aprile all’8 novembre 2015, a Ottavio e Rosita Missoni, proprio nella città che scelsero nel 1953 come sede della loro casa e del loro primo laboratorio di maglieria.

VISITA GUIDATA IN ESCLUSIVA ED EVENTO NELLA SALA DEGLI ARAZZI

Verrà a Voi riservata la visita guidata alla mostra in esclusiva e in completa riservatezza un’esperienza suggestiva. L’immersione nell’arte del Novecento in continuo dialogo con la creatività di Ottavio Missoni sarà un’esperienza suggestiva e indimenticabile. L’esposizione si apre con la video-installazione di Ali Kazma Casa di moda, nata nel 2009 per mettere in luce l’esclusivo connubio tra l’aspetto artigianale che affonda nella tradizione e il design contemporaneo, l’approccio rispettoso del materiale e del lavoro della maison Missoni e la volontà dell’artista di osservare da dietro le quinte il mondo glamour della moda e, più ampiamente, dell’attività umana. Nella sezione Le Radici sono chiarite le origini della ricerca dei Missoni, le prime risorse e fonti d'ispirazione, nel campo delle arti visive e della moda, da Giacomo Balla a Wassily Kandinsky, da Sonia Delaunay a Fortunato Depero: i primi germogli dell’arte astratta si confrontano con le sculture di Regina, Fausto Melotti e Lucio Fontana. Importante è l'affermarsi, negli anni Trenta, di gruppi, riviste e ricerche volte alla definizione di una pittura e di una scultura geometrica, di carattere costruttivista e concretista; in questo contesto si afferma un linguaggio espressivo basato sulla ritmica composizione di forme e colori utilizzati in modo puro, che i Missoni traducono e rielaborano nei motivi centrali del proprio processo creativo. Il percorso continua con gli allestimenti realizzati da Luca Missoni e Angelo Jelmini, dove le fonti d’ispirazione di Ottavio Missoni si trasformano in materia, la lana colorata prende forma e infine bozzetti e disegni prendono vita nei tessuti colorati. I dialoghi tra l'intensa attività creativa di Ottavio e Rosita Missoni e la cultura visiva italiana sono, tra gli anni Cinquanta e Ottanta, molto intensi. Un'ampia selezione di opere, provenienti anche dalla stessa collezione del MA*GA, documenta questa costante relazione: i riferimenti, le persistenze e le variazioni di motivi sono ricorrenti opera dopo opera. I disegni e gli studi di colore di Ottavio Missoni dialogano con dipinti di Tancredi, Gianni Bertini, Roberto Crippa, Piero Dorazio e molti altri artisti della seconda metà del Novecento. Il percorso espositivo confluisce nella Sala degli Arazzi, area lounge, tra i patchwork di tessuto a maglia realizzati da Ottavio Missoni. L’ambiente, una vera e propria sala espositiva, vuole essere una sala d’accoglienza e di intrattenimento per il pubblico, un luogo di incontro nel cuore della mostra.

APERITIVO NEL MONDO MISSONI

La Sala degli Arazzi sarà il luogo esclusivo dove potrà essere organizzato e servito un cocktail o una cena, la cui qualità enogastronomica è garantita dal Museo. Il momento, una vera immersione nel mondo creativo di Ottavio Missoni e della sua tecnica del put together, si arricchisce di ulteriore fascino grazie alla veduta sulla mostra di cui è possibile godere dalla sala degli arazzi.

Potrà essere concordato un menù su misura sulla base delle Vostre preferenze e per ogni tipo di occasione.