Live Journal > Storia della moda: abiti a zigzag

Oggi parliamo del 1973, un anno molto importante per Ottavio e RositaMissoni quando ricevono il Neiman Marcus Fashion Award, l’Oscar della Moda con la motivazione che “Marito e moglie insieme hanno osato nuove dimensioni e nuovi rapporti di colore nell’uso delle tradizionali macchine da maglieria, tanto da essere oggi la forza più potente nel campo della maglieria per uomo e per donna”.

Il prestigioso premio internazionale per la Moda è stato assegnato a nomi come Schiaparelli, Chanel, Dior, Pucci e persino a Georges Braque per la sua collezione di gioielli.


Commenta su Il Giorno Maria Pezzi: “Il loro put-together look, cioè questa moda libera, coordinata e lasciata alla scelta e al gusto personale delle clienti è diventata universale. In generale i premiati sono chiamati gli ‘unmistakables’, cioè quelli che non sbagliano mai, perchè hanno creato uno stile attuale, accettato universalmente e il cambiamento stagionale è così graduale da non alterare mai ‘l’immagine che è garanzia’”.



Durante la premiazione, Rosita Missoni indossa un look composto da cardigan, pantaloni palazzo a zigzag dell’Autunno/Inverno 1973. Un simile insieme, completato da una maglia fiammata (space-dyed) e da una cintura, è esposto fino all’8 novembre al ‪#‎museomaga‬